search
top
Currently Browsing: Tae Hye sunim – A. Mahapannya

Compassione, consigli di pratica di Tae Hye sunim – dicembre ’17

Indicazioni per la pratica di Dharma dicembre 2017-gennaio 2018 (2561-2562 E.B.): Compassione Il Buddha ha insegnato a coltivare le quattro “dimore divine”: benevolenza (metta), compassione (karunā), gioia compartecipe (muditā) ed equanimità (upekkhā)  –  questi sono atteggiamenti non egoici. Diventano stati mentali incommensurabili quando sono diretti a tutte le creature, senza... Leggi ...

Meditazione di settembre con Tae Hye sunim

Indicazioni per la pratica di Dharma, settembre 2017 (2561 E.B.): la natura di buddha Secondo una famosa storia, Mazu quando era ancora giovane, stava spesso seduto in meditazione nella posizione del loto completo. Il suo maestro Nanyue gli chiese: «Cosa fai?» «Sto meditando, perché voglio diventare Buddha.» Il maestro Nanyue prese allora una tegola e si mise a lustrarla. Allora Mazu gli chiese:... Leggi ...

Meditare con Tae Hye sunim, luglio-agosto ’17

Indicazioni per la pratica di Dharma – luglio-agosto 2017 (2561 EB): Una pratica naturale Con consapevolezza possiamo notare se la nostra pratica spirituale è viva e naturale, o se cerchiamo di costringerci a un modello stereotipato.  Di solito ognuno vive nel suo piccolo mondo e ripete quasi meccanicamente i modi di sentire, pensare e reagire. Facilmente questo atteggiamento schematico della... Leggi ...

L’attenzione, praticare con Tae Hye – giugno ’17

Indicazione per la pratica di Dharma – giugno 2017: Attenzione Il Buddha insegnò che la pratica costante dell’attenzione (appamāda) e della consapevolezza (sati) porta alla chiara comprensione (sampajañña) e alla saggezza. La comprensione immediata e diretta della realtà è possibile solo quando la mente è libera dalle costruzioni mentali ed emotive, ed è totalmente presente nelle cose che... Leggi ...

Il maggio di Tae Hye sunim

Tempio Musag Am di Lerici SP – Indicazioni per la pratica di Dharma – maggio 2017 (2561 EB): Esperienza diretta Per la pratica del mese di maggio (mese del Vesak) consiglio di domandarsi “cos’è l’esperienza diretta della realtà?”: sia nella meditazione seduta o camminata che nella vita quotidiana, lasciar andare le opinioni, condizionamenti psicologici, antipatie e simpatie, aprendo... Leggi ...

Tae Hye sunim, un aprile di pace – note di pratica

Indicazioni per la pratica di Dharma - aprile 2017 (2561 EB): Pace Un nome che il Buddha usò per il suo insegnamento fu ”la via della pace” (śāntimarga). La parola sanscrita “śānti” (shanti) ha un significato profondo, perché non significa solo  pace esterna, ma anche calma o serenità interiore. Essa è legataa tutti gli aspetti della pratica. Il comportamento... Leggi ...

Tae Hye sunim, una vocazione, un insegnamento e una prospettiva: vivere il buddhismo in Occidente

In questa intervista il monaco Tae Hye sunim ci parla della sua formazione monastica, della difficoltà di orientarsi tra le diverse aree della spiritualità buddhista, ma soprattutto formula, già nel 1994, delle prospettive sul Buddhismo in Occidente vive ancora oggi.  Attualmente, oltre all’ordinazione mahayana nel 1987, ha ricevuto nel 1999 anche quella theravada.  Dopo un lungo soggiorno... Leggi ...

Mente aperta, Tae Hye sunim marzo ’17

Indicazioni per la pratica di Dharma – marzo 2017 (2561 EB): Mente aperta Daheui Zonggao (1089-1163) era un grande maestro chan cinese, conosciuto soprattutto come il promotore della pratica di huatou/hwadu (“testa della parola”). Gli insegnamenti del maestro Dahui sono chiari ed illuminanti come la fresca brezza della primavera. Per la pratica del mese di marzo consiglio: 1) Prima della... Leggi ...

Io-non io, febbraio con Tae Hye sunim

Tae Hye sunim, abate del Tempio Musag Am, Tempio della non-forma di Lerici (SP) ci ha inviato queste indicazioni per la pratica di Dharma - febbraio 2017 (2561 EB): “Io/non io”. Siamo lieti di questo inoltro e ancor più di poterlo condividere. Con riconoscenza, il CD  de La Pagoda Qualche giorno fa è cominciato l’anno del gallo nel calendario lunare. In oriente si crede che le persone nate... Leggi ...

Il pasto – indicazioni di Dharma di Tae Hye sunim

La pratica della meditazione non significa solamente sedere in silenzio ogni tanto per un’ora, ma praticare la calma consapevole anche nelle attività quotidiane. Possiamo p.es. mangiare con atteggiamento meditativo.  Nei templi buddhisti si mangia in silenzio e nei templi più grandi i pasti sono cerimoniali, con recitazioni dei versetti del Sutra dei pasti. Anche i praticanti laici possono applicare... Leggi ...

« Pagine Precedenti

top